Di Rosa vestita

M’improvvisai Donna

perché di rosa nacqui vestita

e ancor con le trecce

fermate da un fiocco d’argento

m’improvvisai sposa.

 

Afferrai me stessa

perché non ero

perché ancora non sapevo,

mi facevo trasportare

mi facevo tacere.

 

Imparai ogni cosa

toccando con mano

spigoli di paura

e angoli di pelle,

 

imparai e vissi,

finalmente vissi

rivolgendo lo sguardo al Sole,

improvvisai ogni giorno

trattenendo il respiro

solo qualche secondo,

 

prima di abbandonare ogni scudo

tra le braccia del cielo.

 

di Annalisa Salvador

legata-ad-un-granello-di-sabbia-storia-del-co-L-CtStrm

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

La bilancia dei Mondi divisi

gli schiribizzi dell'Annalisa

I libri di Anna Nihil

gli schiribizzi dell'Annalisa

Ho voglia di libri veri

gli schiribizzi dell'Annalisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: